Psichiatria

COME AIUTARE I RAGAZZI AD ACCETTARE LO STRESS

Lisa Damour, una psicologa di Shaker Heights, Ohio, ha scritto un interessante articolo sul New York Times, sul tema dello “stress” tra gli adolescenti, rovesciando la prospettiva più diffusa oggi giorno, che ha come obiettivo ultimo l’eliminazione dello stress per un maggior benessere psichico. Di seguito la traduzione di alcune parti dell’articolo che potete leggere in versione e in lingua originale cliccando qui.

Molti ragazzi, in certi periodi dell’anno, sentono il peso delle richieste accademiche.

Ma l’entità del peso che i ragazzi possono sperimentare dipende molto più dal modo in cui pensano allo stress piuttosto che dall’effettivo carico di lavoro. (…)

Soprattutto negli ultimi cinque anni“, afferma Sarah Huss, direttrice di sviluppo umano e dell’educazione dei genitori alla Campbell Hall School di Los Angeles, “abbiamo assistito ad un aumento nel numero di genitori che sentono che è compito loro salvare i loro bambini da situazioni stressanti “. Per riformulare il modo in cui pensiamo a un fenomeno che è stato ampiamente e erroneamente patologizzato, dovremmo riconoscere che lo stress sano è inevitabile quando operiamo al limite delle nostre capacità.

Allungare oltre i nostri limiti familiari non sempre fa bene, ma crescere e imparare – le chiavi della scuola e della vita – non possono avvenire in nessun altro modo. (…).

Tre anni fa, la Centennial High School di Circle Pines, Minnesota, cambiò il suo orario per includere un programma quasi quotidiano chiamato ora LEAP, che sta per Lunch (Pranzo), Energize (Energizzarsi), Achieve (Ottenere), Participate (Partecipare), descritto dal preside, Tom Breuning, come una grossa ricreazione per i ragazzi. Gli studenti scelgono come trascorrere il tempo. Possono, ad esempio, giocare a basket, giocare a carte, fare attività fisica, colorare, incontrarsi con gli insegnanti o unirsi al club Pinterest che, secondo Mr. Breuning, “è particolarmente popolare tra i giocatori di football“.

Mackenna Stoterau, 17 anni, un portiere della squadra di hockey sul ghiaccio, usa spesso il tempo per studiare con gli amici in modo da avere meno compiti da affrontare dopo gli allenamenti. “Ma se ci sentiamo tutti super stressati“, ha detto, “ci sediamo e parliamo e stiamo insieme per un po’ di tempo’“. Anche se non sono state apportate modifiche al rigore del programma accademico della Centenary High School, le indagini scolastiche hanno rilevato che dopo un anno di LEAP la percentuale di studenti che registravano livelli elevati di stress è scesa dal 60 al 20%. “Il pezzo chiave“, ha detto il signor Breuning, “è di dare ai ragazzi la possibilità di connettersi e avere la possibilità di recuperare e ricaricarsi durante il giorno“.

(…) Gli studenti dovrebbero avere abbastanza tempo per ricaricarsi in modo che possano sfruttare al meglio le sfide accademiche che continueranno a dover affrontare.

Non è un problema se gli adolescenti possono sentirsi tesi per tutto ciò che chiediamo loro, e ancora meglio è se possono vedere lo stress come un segno di crescita salutare, anche se spesso difficile da tollerare.

 

**********************************************

Contatta:

– Psichiatra  Licia Lietti    +39 338 5019524  http://lietti-psichiatra-milano.com/

– Psicologa clinica  Martina Larsen Paya    +39 349 1696270

– Psicologa clinica    Martina Trinchieri      +39 393 5564912

– Psicologo Psicoanalista Marcello Florita   +39 3485123593  http://www.marcelloflorita.it/

**********************************************

Please follow and like us: